Visita didattica a Pompei -18 e 25 marzo 2024

Dopo aver affrontato l’argomento “Impero Romano” in classe, abbiamo proposto una uscita didattica con destinazione Pompei. Si parte alla volta di Pompei, i ragazzi delle classi 3cl ,3gs, 3bs, 2an ,2bn,2cn,2dn,2bs sono entusiasti: poter vedere e toccare con mano quello che hanno studiato sul libro di storia, è qualcosa che li lascia senza parole: hanno capito che la storia non è qualcosa di astratto ma il racconto di uomini vissuti prima di noi, come noi e che ci hanno permesso di essere quello che siamo. È impossibile descrivere l’emozione degli alunni davanti alla maestosità di questa città! Alcuni di loro continuano a ripetere: ” No, non è possibile”, non credevano ai loro occhi e soprattutto non gli sembrava vero di essere in quel luogo così antico che potevano vedere e toccare! Non si può raccontare tutto quello che abbiamo vissuto, ma è stata un’esperienza meravigliosa, i ragazzi si sono mostrati attenti, ascoltavano tutto, facevano foto. Visitare Pompei significa tornare al 79 d.C., toccare con mano la vita di una cittadina dell’Impero Romano distrutta dalla furia del Vesuvio ma, allo stesso tempo, perfettamente conservata. La Storia, si sa, non è una materia facile da insegnare: nonostante sia tra le più importanti per sapere dove stiamo andando, è necessario conoscere da dove veniamo, è un attimo incappare in un noioso sciorinare di nomi e date che difficilmente resteranno nella testa e nel cuore degli alunni. Dunque, niente di meglio che toccare con mano le testimonianze di precisi momenti storici, ascoltare i racconti delle “pietre” che mostrano il vissuto e l’agire del passato, respirare l’odore di luoghi totalmente intrisi di storia. Il primo pensiero che è saltato alla mente dei nostri alunni appena arrivati nella cittadina ai piedi del Vesuvio è proprio questo: è enorme! Strade e viottoli lastricati in basalto lavico che si intersecano, resti di edifici a perdita d’occhio, testimonianza viva della vita quotidiana di una città romana del 79 d.C. Poi, i calchi in gesso delle vittime fissate nelle pose dei loro ultimi istanti di vita: vere e proprie statue davanti alle quali è impossibile non provare commozione. Allora, Perché visitare Pompei? Per conoscere la storia della vita quotidiana di una cittadina dell’Impero Romano, capirne gli usi e i costumi, ammirare i meravigliosi affreschi delle sue ville, e guardare il Vesuvio stagliarsi all’orizzonte, comprendendone la forza: per una uscita didattica in cui storia e natura si mescolano, all’insegna dell’emozione!